Il club

La storia

Il Golf Club Lugano, fondato nel 1923, ha il privilegio di presentare un percorso di 18 buche (PAR 70 - 5508 m) molto tecnico ed inserito in uno splendido paesaggio prealpino.
 
Situato a pochi chilometri da Lugano, in vicinanza dell’aeroporto di Agno, il percorso del Golf Club Lugano fu disegnato originariamente dall’Arch. Donald Harradine. Si sviluppa su un terreno pianeggiante, tra boschi di betulle, querce, pini e rododendri. A partire dal 1992 sono state apportate importanti modifiche al percorso sotto le direttive dell’Arch. Cabell B. Robinson.
 
Il tracciato è considerato molto tecnico ed impegnativo per la presenza quasi costante di ostacoli d’acqua e di “fairways” stretti, spesso limitati da una ricca vegetazione. Il fiume Magliasina è attraversato o costeggiato in ben 8 occasioni e costituisce una preoccupazione costante.
 
Il campo alterna buche lunghe, adatte ad un gioco potente, a buche più corte e meno ampie che esigono maggior precisione. I greens si presentano sempre ben protetti dagli ostacoli naturali o artificiali.
 
Tra le buche più interessanti, citiamo la 8 (par 4 - 368 m) dove il “green” è leggermente rialzato e protetto da un grande “bunker”; la 10 (par 4 - 307 m) con la presenza di due laghi artificiali che influenzano sia il primo colpo sia l’attacco al green, la 12 (par 4 - 388 m) con un green difeso sul fronte da una profonda depressione, la 16 (Par 3 - 139 m) dove bisogna attraversare per tutta la lunghezza della buca il fiume Magliasina, la 17 (par 4 - 352 m) costeggiata per tutta la sua lunghezza dallo stesso fiume Magliasina che penalizza sia il “drive” che l’attacco al “green” se si va appena a sinistra e la 18 (par 4 - 365 m), leggero “dog leg” a sinistra con il fiume a pochi metri dal “green”.